La caccia

Le riserve di caccia sono tra le più famose in Europa. Le risorse naturali sono favorevoli all’allevamento di quasi tutte le tipologie di selvaggina, come dimostrano i numerosi trofei e campioni europei e mondiali, cresciuti nel territorio di caccia serbo, Dal nord al sud, dalla pianura di Vojvodina alle zone di montagna con la natura intatta.

La Serbia ha più di 320 riserve di caccia, su un’area di circa 6.500.000 ettari, di cui quasi 90% è tenuto da associazioni di caccia. Nelle riserve della Serbia esistono 24 campi di caccia recintati e 150 case di caccia. L’Associazione Cacciatori della Serbia stabilisce il Listino prezzi della selvaggina cacciata mentre il Ministero dell’agricoltura determina il Calendario di caccia. I terreni di caccia sono tenuti da squadre di gestione del bosco o da associazioni di caccia locali sotto la guida del JP “Srbija šume” e JP “Vojvodina šume” o da quelle appartenenti all’Associazione di caccia della Serbia. In Serbia sono prodotte armi da caccia di buona qualità, che vengono anche esportate all’estero.

LE PIÙ FREQUENTI SPECIE DI SELVAGGINA IN SERBIA

I mammiferi: il cervo europeo, il daino, il cervo con la coda bianca, il capriolo, la capra selvatica, il muflone, il cinghiale, l’orso, la martora bianca e dorata, il tasso, il topo muschiato, lo scoiattolo, il ghiro grigio, il coniglio, la donnola, il lupo, il gatto selvatico, lo sciacallo, la volpe, il cane procione, la puzzola.

I volatili: l’airone blu, l’oca selvatica, l’oca selvatica lombardella, l’oca granaiola, il germano reale, l’alzavola, il moriglione, l’astore, il francolino di monte, la coturnice, la starna, la quaglia, il fagiano, la folaga nera, la beccaccia, il colombaccio, il piccione selvatico, la colombella, la tortora, la tortora turca, la ghiandaia, il corvo comune, la cornacchia grigia, la gazza.

IL TURISMO VENATORIO

In Serbia esistono programmi di turismo venatorio molto dettagliati. Esso richiede regole di comportamento rigide, dal passaggio del confine, dal trasporto al terreno di caccia, il permesso per le armi e munizioni, le guide esperte, i permessi veterinari, a tutte le condizioni necessarie per l’esportazione della selvaggina. Il turista cacciatore può cacciare e praticare l’addestramento di cani sul terreno da caccia solamente attraverso la mediazione dell’agenzia che detiene il contratto con l’usufruttuario del terreno. Il cacciatore deve essere in possesso della documentazione per le armi, le attrezzature ottiche e le munizioni che porta, come anche per i cani da caccia. Può sparare solo a quegli animali presenti nel permesso per la caccia e dopo l’approvazione dell’accompagnatore esperto. Per la selvaggina cacciata o le sue parti (trofei, carne, pelle) il turista cacciatore, prima di esportarla dal luogo di caccia, paga una tassa all’usufruttuario del terreno secondo il listino prezzi dell’associazione dei cacciatori.

INFO

L’Associazione per la caccia della Serbia
Alekse Nenadovića 19-23/II, 11000 Belgrado
Tel: +381(0) 11 3442 467
www.lovacki-savez-srbije.org

JP “Srbijašume”
Bulevar Mihajla Pupina 113, 11070 Novi Beograd
Tel: +381(0) 11 311 5037
www.srbijasume.rs

JP “Vojvodinašume”
Preradovićeva 2, 21131 Petrovaradin
Tel: 381(0) 21 43 11 44
www.vojvodinasume.rs