Manasija
facebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramfoursquarefacebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramfoursquare

Il monastero di Manasija si trova accanto al piccolo fiume Resava, non lontano da Despotovac e rappresenta uno degli ultimi monumenti della cultura medievale serba. La chiesa è stata fondata dal Despota Stefan Lazarević, figlio del Knez (principe) Lazar Hrebeljanović. La costruzione della chiesa, della possente fortezza e del grande refettorio è durata dal 1406 al 1418.

Le imponenti mura, con 11 torri, circondate da trincee, rappresentavano, allora, un moderno sistema di difesa del monastero. La più dominante e massiccia torre (donžon kula) è famosa sotto il nome di Despotova Kula (Torre del Despota). Nella fortezza si entrava tramite il grande portale che si trovava ad ovest.

La Chiesa della SS. Trinità è una delle più rappresentative dimore (zdanje) della costruzione di Morava. Una rara particolarità nell’architettura medievale serba è il pavimento in forma di mosaico.

Gli affreschi di Manasija, insieme a quelli di Kalenić, sono i più belli fra i monumenti di Morava e sono considerati fra i migliori in generale nella pittura antica serba. Oltre alle schiere di guerrieri rappresentate in modo monumentale, sono particolarmente notevoli i profeti, dipinti nella torre, e l’idealizzato dipinto del fondatore, Despota Stefan Lazarević, che rappresenta il modello della chiesa della Trinità.

Accanto alla chiesa del monastero e alla fortezza, a Manasija sono parzialmente conservati i resti dell’antico refettorio e della biblioteca. Nella biblioteca si trovava il laboratorio di copisteria, nel quale furono realizzati molti libri ad uso della chiesa. “La scrittura di Resava” era molto apprezzata e per lungo periodo ha fatto da modello ai copisti successivi.

facebooktwittergoogle_pluspinterestmailfacebooktwittergoogle_pluspinterestmail