Centri montuosi

La maggior parte del territorio serbo è occupato da montagne, che formano la regione montuosa che va dai colli di Pannonia al nord, al confine montenegrino, albanese e macedone al sud. Le montagne della Serbia si dividono in: monti Rodopi, monti Carpazio-Balcanici, monti Dinari.

Già i nomi di alcune montagne serbe suggeriscono la ricchezza della natura di cui dispongono: Zlatibor (pino d’oro), Zlatar (dorato), Rajac (paradiso)… Per preservare questa inestimabile armonia della flora e fauna, alcune montagne sono state protette nell’ambito di 5 parchi nazionali e dichiarate parchi naturali o territori di caratteristiche eccezionali.

Le specie autoctone delle piante sui monti serbi sono la violetta di Kopaonik, l’abete rosso di Pančić, il lino serbo, la festuca di Pančić… Fra gli animali invece il grifone, l’aquila reale, l’aquila imperiale, il falco pellegrino, il gufo di bosco, l’allodola di montagna, il crociere, il ghiro, il gufo reale, il gatto selvatico, l’orso bruno, il camoscio alpino…

Le montagne sono attraversate da rapidi ruscelli e torrenti e molte hanno anche laghi cristallini. Alcune, per il loro clima eccezionale, sono state chiamate bagni d’aria.

Sulle montagne serbe si può andare sia d’inverno che in estate. Dalle escursioni attraverso i boschi e le radure, da soli o con una guida, fino all’alpinismo professionale sulle vette più alte della montagna. Chi è dotat0 di forte spirito d’avventura potrà lanciarsi nell’esplorazione delle grotte carsiche o dei canyon dei fiumi. Durante l’inverno, i turisti possono servirsi di numerose piste da sci con le relative funivie, che si tratti di sciatori esperti o di principianti.

Le riserve di caccia nei fitti boschi sono ricche di selvaggina di grande e piccola taglia, mentre i fiumi e i laghi di montagna sono un’occasione ideale per la pesca. Inoltre è possibile l’osservazione di volatili in molte zone IBA.

Sono varie le possibilità di alloggio, da alberghi con 4 stelle alle casette di montagna agli ostelli della gioventù, ma è sviluppato anche il turismo rurale paesano. Il cibo e le bevande sono di origine naturale garantita, proveniente dai paesi vicini, e i frutti di bosco, i funghi e le piante medicinali abbondano in ogni angolo.