Drina

Il fiume Drina è lungo 346 km, e nasce dalla confluenza dei fiumi Tara e Piva nei pressi di Šćepan Polje in Montenegro. Scorre in Montenegro, nella Repubblica Serba e in Serbia. La Drina è il più grande affluente del fiume Sava, nel quale affluisce vicino a Sremska Rača. La lunghezza del corso del fiume Drina in Serbia è di 220 km.

I grandi affluenti del Drina sono: Sutjeska, Bistrica, Prača, Drinjača e Janja sul lato sinistro, e Ćehotina, Lim, Rzav, Ljubovidja e Jadar sulla sponda destra.

Il fiume Drina attraversa numerose città, fra cui le più grandi sono Foča, Goražde, Višegrad, Bajina Bašta e Zvornik.

La potenza selvaggia del fiume Drina è domata dalle dighe e dai laghi (lago di Višegrad, Perućac, Zvornik) che hanno violato ma non distrutto la bellezza dei suoi canyon. Sulla Drina sono state costruite tre centrali idroelettriche: Višegrad, Bajina Bašta e Zvornik.

Di tutti i ponti il più famoso è il vecchio ponte di Višegrad, dotazione del Mehmed pascià Sokolović, costruito nel 1571. Questo ponte è stato descritto nel romanzo del premio Nobel per la letteratura Ivo Andrić, “Il ponte sulla Drina”. Il fiume Drina faceva da confine naturale fra l’Impero Romano occidentale ed orientale. Nel 1914-15 sono state condotte lungo il suo corso, all’epoca confine fra l’Impero Austroungarico e la Serbia, numerose battaglie e operazioni di guerra. Nei racconti popolari, il suo corso serpentino è annotato con la frase: “Chi mai riuscirà a raddrizzare la storta Drina?” e viene usato come detto popolare per descrivere un lavoro inutile.

Nei mesi estivi vengono organizzati i rafting sul fiume, le manifestazioni turistico – ricreative “Regata sulla Drina” e “Discesa lungo la Drina” con tutti i tipi di battello.