Parco Nazionale “Djerdap”
facebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramfoursquarefacebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramfoursquare

Nella Serbia nordorientale, al confine con la Romania, su una superficie di 63.000 ettari si estende il Parco nazionale “Djerdap”, dichiarato parco nazionale nel 1974. Il fenomeno naturale principale di questa zona è la grandiosa Gola di Djerdap del Danubio, la più grande e più lunga gola “di svolta” in Europa. È costituita da 4 piccole gole e 3 valli che si alternano su una lunghezza totale di circa 100 km.

Per la sua lunghezza e profondità, le molteplici forme orografiche e gli habitat protetti caratterizzati da un microclima specifico, la Gola di Djerdap è uno dei più importanti rifugi dell’antica flora e fauna  in Europa.

La zona del parco ospita più di 1.100 specie vegetali tra le quali maggiormente si distinguono esempi  di flora sopravvissuti all’era glaciale come nocciolo, noce, tasso, lilla, tiglio argenteo, tiglio caucasico ed altri. La ricchezza delle specie e forti effetti fisici dell’ambiente hanno causato la comparsa di più di 50 foreste e comunità arbustive, di cui 35 pre-era glaciale.

La varietà degli habitat e delle comunità vegetali ha influenzato anche la fauna, anch’essa ricca di specie protette. Il parco nazionale ospita circa 150 specie di volatili: l’aquila reale, il biancone, l’aquila dalla coda bianca, la cicogna nera, l’airone cenerino e molte altre. Inoltre vi sono anche i mammiferi: la lontra, l’orso, la lince, lo sciacallo, il camoscio, il cervo …

La Gola di Djerdap si è dimostrata un rifugio sicuro e confortevole non solo per le specie animali e vegetali ma anche per l’uomo. Questo è testimoniato dalla presenza di reperti di diverse epoche della preistoria e la storia, come  il famoso insediamento neolitico Lepenski Vir, tracce delle civiltà romane e bizantine e di altri monumenti storici e culturali.

 

 

facebooktwittergoogle_pluspinterestmailfacebooktwittergoogle_pluspinterestmail