Parco Nazionale “Šar planina”
facebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramfoursquarefacebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramfoursquare

Šar planina rappresenta un’alta cornice della Serbia meridionale, si estende su una lunghezza di 85 chilometri, al confine con la Macedonia. Il suo nome, secondo le credenze, lo ha meritato e ottenuto grazie alla varietà, al contrasto e alla vivacità dei colori che disegnano la natura e caratterizzano il paesaggio montuoso in cui si trova.  Per proteggere le sue qualità, nel 1993 è stato istituito il parco nazionale “Šar planina”, provvisoriamente con una superficie di 39.000 ettari e che prevede l’ampliamento dei confini definitivi ad una superficie di 97.000 ettari.

La dorsale principale del monte, con le sue 30 cime, è alta 2.500 metri e la sua vetta più elevata si trova nella parte serba del monte Bistra, di 2762 metri. La potente forza del ghiaccio dell’era glaciale, nelle sue varie forme, ha inciso profonde cicatrici nei rilievi del monte Šar, scrivendo così la storia del processo geologico e permettendo lo studio della crosta terrestre e la ricostruzione del passato geologico della Penisola balcanica e dei suoi dintorni. Per la varietà delle forme, il monte Šar è un vero e proprio museo a cielo aperto della storia orografica glaciale.

Oltre ad essere uno dei punti caldi della varietà biologica in Europa per la sua ricchezza naturale, questo parco nazionale è prezioso in quanto culla della spiritualità, della nazionalità e della storia serba. Nella zona si trovano 45 fra chiese e monasteri eretti dal XII al XVI secolo. I principali sono la “Isposnica”  e il monastero S. Petar Koriški del XIII secolo, la chiesa di S. Petka del XIV secolo, la chiesa della S. Madonna Odigitrija del XIV, il monastero della SS. Trinità del XV, i resti della Città di Dušan e del complesso monasteriale di S. Arcangelo del XIV secolo, nei pressi di Prizren, ed altri monumenti culturali di grande importanza.

Il monte Šar si trova nel territorio dell’AP Kosovo e Metohija, attualmente sotto l’amministrazione dell’UNMIK.

 

facebooktwittergoogle_pluspinterestmailfacebooktwittergoogle_pluspinterestmail